4 benefici provati dello yoga outdoor (all'aperto)

0
27

Una delle (molte) cose belle dello yoga è che può essere fatto letteralmente ovunque. E così si scopre che la natura migliora la pratica in un modo completamente diverso da quello fatto in palestra.

Un recente studio svedese ha scoperto che osservare la natura, specialmente i frattali (ad esempio i modelli biologici dei rami degli alberi e delle foglie di felce), aumenta il rilassamento del veglia e la concentrazione interna - due componenti piuttosto importanti di una pratica di yoga gratificante.

"Ha senso praticare yoga all'interno durante le intemperie", dice Amos Clifford, direttore dell'Association of Nature & Forest Therapy. "Ma quando ci siamo dimenticati di portare la nostra pratica all'esterno in un giorno di sole?

yoga outdoor
Benefici dello yoga outdoor

4 modi in cui l'aria aperta migliora la pratica yoga

"La natura ci collega alle nostre radici", dice il Dr. Matthew Baral, che ha tenuto la conferenza This Is Your Brain On Nature al Sedona Yoga Festival. "L'erba, l'oceano, gli alberi fanno parte del nostro mondo primordiale. È dove ci sentiamo più a casa". Mentre un'escursione vigorosa ha i suoi benefici, praticare yoga outdoor può trasformare una routine stagnante in un'esperienza più intensa. Qui, quattro modi che funzionano.

  1. Trascorrere il tempo nella natura può ricaricare l'energia esaurita.
    Il nostro sistema nervoso si è evoluto in un modo che punteggia i momenti di stress con esplosioni di energia, una tattica di sopravvivenza usata quando facevamo parte della comunità dei cacciatori-raccoglitori. Trascorrere il tempo all'esterno invia segnali al cervello che il corpo è tornato nel suo ambiente nativo e si ricalibra per stare all'erta, dice Clifford. Non a caso, quando le persone trascorrono del tempo in un ambiente boschivo, i sentimenti di vigore e vitalità sono aumentati, secondo uno studio dell'International Journal of Environmental Research and Public Health. Diciamo che è il carburante per un flusso dinamico Vinyasa.
  2. Il paesaggio naturale può aumentare la consapevolezza.
    Quando si lasciano le quattro pareti di uno studio, tutti i sensi si svegliano, si svegliano, si vedono e si toccano, in particolare, attivano parti del cervello che ti rendono più presente. "L'aria fresca aumenta la consapevolezza del respiro", dice Devani Paige, un istruttore di yoga che insegna yoga all'aperto presso L'Auberge de Sedona in Arizona. "Riesco davvero a sentire l'ossigeno che scorre attraverso di me, liberando la mia mente e potenziando la mia pratica". Cosa c'è di più, i ricercatori dell'Università della California del Sud hanno scoperto che guardando uno splendido scenario si liberano le endorfine, le sostanze chimiche del benessere che ci portano piacere. "Forse il colore verde è la modalità predefinita per i nostri cervelli", scrive Esther Sternberg, M.D., nel suo libro Healing Spaces: La scienza del luogo e del benessere. Toccare l'erba o una spiaggia sabbiosa fornisce ulteriori stimoli. Bonus: una superficie leggermente irregolare coinvolge e rafforza il tuo nucleo. Quando diventiamo più fluenti nell'elaborazione di un'esperienza sensoriale, questa si trasforma in un'esperienza sensuale che chiude la parte del nostro cervello che fa la lista e fa parte del nostro cervello e zeri nel presente.
  3. Praticare yoga in un nuovo ambiente può creare fiducia.
    Trova il tuo margine - no, non intendiamo l'equilibrio su un lato di una scogliera. Praticare all'esterno per la prima volta può sembrare imbarazzante. È facile sentirsi consapevoli di se stessi quando si è abituati a praticare in un ambiente fisso. Mentre la familiarità porta sicurezza, uscire dalla propria zona di benessere apre la porta a un'interpretazione completamente nuova della pratica yoga. Immaginate il potere dei saluti solari sotto i raggi del sole o la vivacità della posa di un albero mentre vi concentrate su un albero vero e non su un punto del muro. "Il tuo corpo è uno strumento di ricerca", dice Clifford. "Impara come usarlo".
  4. La vita all'aria aperta può aumentare ulteriormente i benefici della meditazione.
    Gli scienziati hanno già dimostrato che coloro che meditano regolarmente hanno un'amigdala più piccola, la parte del cervello che è responsabile della gestione della risposta "fight-or-flight". Per coincidenza, studi sul campo, pubblicati su Environmental Health and Preventative Medicine, mostrano che le persone che erano esposte ad un ambiente forestale rispetto ad un ambiente urbano avevano una minore concentrazione di cortisolo, l'ormone dello stress. "Buddha non era in una sala di meditazione", aggiunge Clifford. "Era nella foresta".

E' ora di uscire all'aperto!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here